Sintesi dei risultati della 10ª edizione della Borsa del Turismo Fluviale e del Po

18-23 Settembre 2019


La Borsa del Turismo Fluviale e del Po, inaugurata nel 2010, si propone di costruire il ‘prodotto Po’, sviluppando la capacità di fare sistema per promuovere l’ospitalità e la cordialità di un territorio, in simbiosi
con l’acqua, nei circuiti turistici internazionali.
La manifestazione, giunta alla 10ª edizione, si è svolta dal 18 al 23 Settembre 2019 con la realizzazione di un Workshop commerciale internazionale B2B; cinque EducTour riservati ai T.O. accreditati; diverse iniziative collaterali che hanno integrato la Borsa, facendola diventare, di fatto, anche un evento per il territorio: spettacoli, concerti, aperture straordinarie, pranzi e cene, convegni, degustazioni e percorsi naturalistici.

WORKSHOP DOMANDA/OFFERTA

Il workshop, cuore della manifestazione, si è svolto a Guastalla, presso il Palazzo Ducale, il venerdì 20 settembre dalle 9.00 alle 13.00. All’edizione 2019 della Borsa hanno partecipato 25 Tour Operator provenienti da 16 Paesi diversi: Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Russia, Scandinavia, Slovenia, Spagna, Svizzera e Ungheria, i cui riferimenti sono disponibili nel catalogo ufficiale della manifestazione che viene allegato alla presente. La scelta dei Paesi partecipanti è stata effettuata in base alle linee promozionali indicate da ENIT e con particolare riguardo alle azioni di promozione che APT Emilia Romagna dedica a questo specifico prodotto dell’offerta turistica
regionale e ai piani strategici delle Destinazioni Turistiche Emilia e Romagna.
Sul fronte dei seller, alla 10ª edizione della Borsa del Turismo fluviale e del Po hanno partecipato 119 aziende per un totale di 147 operatori italiani, di cui il 68% provenienti dall’Emilia-Romagna.
Il workshop è stato pubblicizzato da APT Servizi, dall’Assessorato all’Agricoltura dell’Emilia-Romagna, oltre che dal circuito del sistema Confesercenti, Assoturismo e da altri soggetti associativi del mondo agricolo.
Il numero dei Tour Operator ospitati e la loro provenienza ha rispecchiato pienamente l’obiettivo prefissato in sede di progettazione dell’iniziativa, mentre per quanto riguarda la presenza delle aziende dell’offerta, il
numero degli iscritti e partecipanti ha superato l’obiettivo prefissato.

EDUCTOUR

I T.O. presenti hanno avuto, anche, la possibilità di partecipare ad alcuni EducTour, e approfondimenti tematici per verificare direttamente le bellezze dei territori bagnati dal Po e i cui programmi dettagliati
sono in allegato alla presente.
Il primo Eductour “ALLA SCOPERTA DELLA PROVINCIA DI PIACENZA, TRA STORIA, NATURA E TIPICITÀ DEL TERRITORIO” ha portato i T.O. alla Cantina Ferraia di Ziano Piacentino e a Villa Braghieri Albesani di Castel
San Giovanni in un viaggio fra storia, prodotti tipici e cultura.
Durante il secondo Eductour, “PIACENZA E LA BASSA PIACENTINA: VIAGGIO NELLA STORIA E NELLE TERRE DEL PO”, i Tour Operator sono partiti da Piacenza, con la visita di Palazzo Farnese e il tour del centro storico a bordo di un caratteristico pullman d’epoca, per poi spostarsi al Castello di San Pietro in Cerro e alla conca di Isola Serafini per una breve escursione in barca e un pranzo a base di prodotti tipici.
Il terzo eductour, “ALLA SCOPERTA DELLA BASSA PARMENSE TRA MUSICA, CULTURA E NATURA” ha portato i T.O. a Busseto, con la visita al Teatro Verdi, per poi arrivare a Roncole di Busseto con la visita alla casa
natale di Giuseppe Verdi.
Il quarto EducTour, “VIAGGIARE LUNGO IL FIUME TRA ARTE, NATURA, GUSTO E SPORT NELLA BASSA REGGIANA” ha visto protagoniste le piccole capitali del Po, da Guastalla a Brescello, da Gualtieri a Novellara, con escursioni in bici e canoa.
Il quinto EducTour “FERRARA E IL PARCO DEL DELTA DEL PO: VIAGGIO ALLA SCOPERTA DI UN TERRITORIO PATRIMONIO UNESCO DELL’UMANITÀ” ha coinvolto Ferrara, Comacchio, Pomposa e l’Oasi di Canneviè con escursione in motonave e degustazioni di prodotti tipici.
I Tour Operator hanno apprezzato sia le bellezze naturali, che quelle storico-artistiche ed enogastronomiche delle realtà visitate, esprimendo giudizi positivi per quanto riguarda la vendibilità di pacchetti turistici con i contenuti a loro proposti.

INIZIATIVE COLLEGATE

Il programma della Borsa è stato arricchito da alcune iniziative che hanno coinvolto le imprese ma anche il pubblico più vasto dei cittadini. Una mostra fotografica sui Comuni della bassa affacciati sul Po; laboratori,
concerti, visite e percorsi in bici alla scoperta della golena del fiume; cene e musica a bordo della motonave Stradivari; iniziative enogastronomiche e due convegni, uno nella Sala dell’Arengo del Palazzo comunale di
Ferrara, sul tema “Le vie d’acqua per lo sviluppo del turismo sostenibile” e uno a Guastalla sul tema “Mille modi per navigare il Po” ma anche:
• “Magna Curta” il 22 settembre. Percorso enogastronomico e paesaggistico di 8 km.
• “VIVI IL VERDE” il 21 e 22 settembre a Guastalla. Laboratori, concerti, visite e percorsi in bici alla scoperta della golena del Po.
• “FIERA DELLA ZUCCA – XXIV EDIZIONE” dal 21 al 29 settembre a Reggiolo, con degustazione di specialità gastronomiche a base di zucca, spettacoli di giocolieri e folklore, sfilate in abiti medievali, tiro con l’arco, falconeria, tornei cavallereschi, antichi mestieri.

COLLABORAZIONI ISTITUZIONALI

La 10ª Borsa del Turismo Fluviale e del Po ha ottenuto il patrocinio del MIPAAFT Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e del Turismo; della Regione Emilia-Romagna; della “Destinazione Turistica Emilia”;
della “Destinazione Turistica Romagna”, dell’ENIT; di APT Servizi E.R.; della Provincia di Reggio Emilia della Camera di Commercio di Reggio Emilia e dei Comuni dell’Unione Comuni Bassa Reggiana, di Guastalla, di Piacenza, Ferrara, Monticelli d’Ongina e Castel San Giovanni.
Si è inoltre avvalsa della collaborazione:

  • delle Confesercenti di Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Ferrara per la realizzazione degli eductour nei loro rispettivi territori;
  • del Centro Studi Turistici di Firenze per la realizzazione dell’analisi economica sul turismo nei territori del Po;
  • della Strada del Po e dei Sapori della Bassa Piacentina, della Proloco di Castelsangiovanni, della Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli Piacentini e del Comune di Busseto

COMUNICAZIONE

Il programma della Borsa è stato veicolato attraverso diversi strumenti:
• quattro conferenze stampa; la prima a Bologna, il 10 Settembre nella sede della Regione Emilia-Romagna, organizzata da APT Servizi; la seconda il 13 Settembre a Piacenza al Palazzo Farnese in collaborazione col Comune di Piacenza; la terza il 17 Settembre al Palazzo Ducale di Guastalla in
collaborazione col Comune di Guastalla; e la quarta il 19 Settembre a Ferrara presso la sede della Confesercenti Provinciale;
• Un’uscita promozionale sul quotidiano Il Resto del Carlino del 13 settembre; sulla Nuova Ferrara il 13 settembre e La Gazzetta di Reggio Emilia del 20 settembre;
• Diversi articoli dedicati alla Borsa del Turismo Fluviale e del Po sono usciti prima e dopo l’evento sia sui mezzi tradizionali che sul web;
• Una campagna di spot pubblicitari radiofonici su Radio Circuito 29;
• Gli strumenti social Facebook, Twitter, Instagram e LinkedIn con appositi post sia di testo che di immagini;
• La produzione di manifesti, inviti, roll-up e locandine.

Contatti?

  • Indirizzo

    Parco Federico Fellini, 3 - 47921 Rimini RN

  • Telefono

    ???

  • E-mail

    ???